sabato 2 aprile 2011

La Magnificenza di Dio inscritta nel DNA

DNA (immagine da Wikipedia)
In questi ultimi anni si è sentito parlare tantissimo sul DNA, a partire dai loro scopritori, Watson e Crick nel 1953, beh inizialmente si stava essenzialmente a studiarne la struttura, come era composto, le dinamiche nella replicazione, e mano a mano che si avanzava con gli studi gli scienziati rimanevano sempre più meravigliati, poi hanno iniziato a studiare come intervenivano le radiazioni, il fumo e tanti altri agenti negativi sul DNA scoprendo moltissime concause di malattie gravi nell'Uomo e contribuendo molto nella prevenzione di queste mediante informazione continua, poi gli scienziati hanno studiato come ottenere cloni mediante il DNA di un organismo (ricordate tutti la pecora Dolly), e tutto questo a livello fisico di questa molecola così importante, che codifica la Vita sulla Terra, l'acido desossiribonucleico (DNA).


Ma il mio intento con questo articolo non è quello di spiegarvi la composizione del DNA o a cosa serve, a tal proposito vi rimando a questo link: http://it.wikipedia.org/wiki/DNA 


Il mio scopo è quello di parlare del DNA dal punto di vista energetico, spirituale.
Ebbene, nel DNA c'è l'impronta di Dio, questo codice così perfetto e sempre diverso per ogni individuo, che permette la differenziazione nel mondo animale, vegetale, umano... 


Ho capito come questa molecola attragga energia dall'esterno in maniera continua e costante, ed è secondo un princìpio di base che abbiamo avuto sotto gli occhi dalla notte dei tempi, mediante una semplice proporzione, tanto semplice quanto perfetta e ripetibile e costante in ogni forma della natura che vediamo sotto gli occhi, ebbene sì, immagazzina energia dall'ambiente esterno, dalla Terra, mediante la Sezione Aurea, e ve lo posso dimostrare.


Dimostrazione:
Prendiamo l'elica del DNA che vi ho rappresentato qua sopra, e supponiamo di tagliarlo a metà, non per il lungo, ma mantenendo i due filamenti attaccati. 
Ora prendiamo una delle 2 parti tagliate e guardiamone la parte tagliata, quindi la sezione trasversale:


Sezione Trasversale del Dna
Quello che possiamo notare è che il Dna tagliato di traverso mostra 10 lati.
Ora, per facilità prendiamo l'immagine del DNA trasversale ricostruita al computer:

DNA di Olopòiema


Se proviamo a sovrappore un decagono regolare a questa immagine otteniamo questa figura:


Notiamo che il DNA contiene per ben 10 volte il triangolo aureo, (spiegazione triangolo aureo in questo file: Triangolo aureo spiegazione ) ossia il triangolo che contiene la spirale aurea, la forma che assume la vita in natura per convogliare verso l'interno la maggior energia possibile, un po' come i buchi neri nello spazio che attirano verso l'interno tutto quello che li circonda.


Possiamo cosiderare ognuna di queste Spirali come un chakra se vogliamo poichè i Chakra funzionano anch'essi con questo schema, con la Spirale Aurea, il famoso "vortice".
Quindi il DNA attira energia per ben 10 volte, ha 10 Chakra.

Nessun commento:

Posta un commento